Mappa interattiva
Slide 1
Slide 2
Slide 3
Slide 4
Slide 5
stop

I Formaggi

La bontà della produzione casearia irpina è dovuta alla professionalità con la quale il latte, prodotto nei propri allevamenti, viene trasformato presso il caseificio aziendale. Le dimensioni ridotte, spesso fattore limitante, in questo caso consentono di curare con particolare attenzione questi prodotti che gli aromi dei pascoli rendono qualcosa di unico e speciale.



Pecorino Carmasciano

Il pecorino Carmasciano

Il prodotto prende il nome dall’omonima contrada sita tra i comuni di Guardia Lombardi e Rocca S. Felice. Il territorio interessato alla produzione, molto limitato, è racchiuso tra la Valle dell’Ufita, la Valle d’Ansanto, la Valle dell’Ofanto e l’altopiano del Formicoso.
Esso, sicuramente, subisce l’influenza della Mefite, fenomeno di vulcanesimo minore, le cui emissioni sembra che incidano favorevolmente anche sulle caratteristiche organolettiche di questo formaggio.
Si presenta in forma cilindrica con crosta rigata tendente al colore marrone; la pasta è di colore paglierino intenso con rare occhiature; al tatto la pasta è dura ed omogenea;
l’ odore è di erba e di latte; in bocca ha buona solubilità, appena granuloso, leggermente piccante.

Pecorino Bagnolese

Il pecorino Bagnolese

Il termine “bagnolese” deriva dal nome del comune di Bagnoli Irpino dove l’omonima pecora è prevalentemente allevata. Il territorio interessato riguarda un’area dei Monti Picentini, che ruota intorno al pianoro del Laceno, dove l’altitudine supera i 1000 m s.l.m. Il pascolo utilizzato è particolarmente ricco di essenze, selezionatesi nel corso degli anni, che arricchiscono di aromi il formaggio.
La discreta produzione di latte ottenuta dalle pecore di razza Bagnolese e suoi incroci, è caratterizzata da un elevato tenore in grasso e proteine che consente una alta resa in formaggio. Si presenta in forma cilindrica con crosta rigata di colore paglierino; la pasta è chiara con rare occhiature, al tatto è dura ed omogenea; l’odore è quello del latte e di erba fresca.

Pecorino Laticaudo

Il pecorino Laticaudo

Questo pecorino prende il nome dalla razza ovina omonima dalla quale si ottiene il latte per la sua produzione. Il territorio di produzione interessa la zona collinare interna, dove l’allevamento della pecora Laticauda si inserisce in un’agricoltura prevalentemente estensiva. Il latte utilizzato per la lavorazione proviene prevalentemente da allevamenti di piccole e medie dimensioni e ciò consente un’alimentazione basata esclusivamente sulle risorse di foraggio aziendali che vanno dal pascolo naturale, dove le essenze sono quelle che l’ambiente ha selezionate nel corso del tempo, allo sfruttamento delle aree marginali. Si presenta in forma cilindrica e crosta rigata marrone chiaro o rossiccia se trattata con salsa di peperoni; la pasta è di colore paglierino con rare occhiature; al tatto è semidura ed omogenea; presenta odore di latte e di fieno; in bocca è leggermente granuloso, raramente piccante.

Il Caciocavallo

Il Caciocavallo

Formaggio a pasta filata dura, ottenuto da latte intero di vacca. Una particolare tipologia è rappresentata dal “caciocavallo podolico” molto apprezzato dal consumatore per le sue caratteristiche organolettiche dovute all’impiego del solo latte della Podolica, razza bovina allevata allo stato brado. La denominazione deriverebbe dall’uso di appendere ad asciugare i formaggi legati in coppia, a cavallo di una trave. La zona di produzione corrisponde, prevalentemente, a quella delle Comunità Montane Alta Irpinia, Terminio-Cervialto ed Ufita, dove allevamenti bovini, di piccole e medie dimensioni, utilizzano dalla primavera alla fine dell’autunno, i pascoli naturali della collina interna, ricchi di essenze che apportano numerosi aromi al latte che si esaltano poi durante la maturazione dei formaggi. Si presenta in forma ovoidale o a pera con testina, crosta liscia e sottile di colore giallo paglierino, pasta paglierina con rare occhiature; essa è di colore più intenso nei caciocavalli prodotti in primavera. La pa ta è semidura ed omogenea, al taglio compatta, con odore di erba e di latte; in bocca la struttura è elastica se il prodotto è fresco, mediamente friabile con buona solubilità se stagionato; il sapore da dolce a piccante secondo la durata della stagionatura e la tipologia di caglio utilizzato.

  • ROCCA IN SCENA. . .DAL...

    Dopo il grande successo de “L’Infer...

  • Regio Tratturo and fri...

    14.00 800x600 LA SESTA EDIZIONE DEL FARM FE...

  • Sviluppo della tecnolo...

    L'azienda agricola Malerba Castagne presenta il Progetto ...

  • È Carnevale alla Candi...

    Domenica, 2 Marzo 2014, ti aspettiamo all'Agritur...

Newsletters

sidebar-widget

Iscriviti alla newsletter, per ricevere aggiornamenti costanti sulle nostre iniziative